La Terra rossa


Il paesaggio rurale

Aree sconfinate di terra rossa, sarà questo uno dei primi elementi che vi colpirà del paesaggio rurale salentino.

Il terreno risulta tinto di questo colore intenso e caldo, per la sua particolare composizione, nella quale si trovano soprattutto idrossidi di ferro ed alluminio, minerali argillosi, componenti di quarzo e quant’altro. Una tipologia di territorio, tra l’altro, difficile da lavorare poiché ricca di calcare compatto.

I vigneti occupano più di 30.000 ettari e questi rappresentano il 17% della superficie agraria di tutto il Salento.
Le aziende che si occupano del settore sono il 33% di tutte quelle presenti sul territorio.

Il Mare


300 km di costa

L’Adriatico meridionale e lo Ionio bagnano rispettivamente il versante di Levante e di Ponente, creando una penisola nella penisola, che presenta diverse tipologie costiere, dai lunghi arenili sabbiosi che si perdono nell’acqua cristallina, alle alte falesie che sprofondano quasi a picco nel blu intenso.

Le spiagge che si trovano su entrambi i versanti hanno avuto un’origine diversa, come si può dedurre dalla differenza granulometrica ed organica della sabbia, che è molto fine ad esempio in prossimità dei Laghi Alimini, sul litorale adriatico, mentre è più grossolana e ricca di residui organici (come le conchiglie) su tutta la zona
antistante Porto Cesareo, litorale ionico.

Sommariamente si può considerare il versante Ovest come sabbioso, mentre quello Est come roccioso.

Il Barocco


Da non perdere

Il Cibo


Cosa mangiare

Grano, olio, verdure, legumi, abbinati con sapienza ad altri semplici ingredienti offrono i più sani e gustosi esempi di cucina mediterranea.