VIGNETI REALE

La storia dell’Azienda Apollonio comincia nel 1870. Dal 1995 l’azienda è diretta da Marcello e Massimiliano Apollonio i quali iniziano una politica di espansione e iniziano la distribuzione del vino in tutto il mondo, i loro prodotti riscontrano un gran successo. Produzione di vino soprattutto dai vitigni autoctoni quali Negroamaro, Primitivo, Susumaniello, Bianco D’Alessano.

MANI DEL SUD

Varietà uve utilizzate:
80% Negroamaro, 20% Malvasia nera.
Colore:
rosso rubino intenso.
Gradazione alcolica:
14 – 15 % circa.
Abbinamenti:
ottimo con piatti di carni rosse, pesci in brodetto non molto speziati, bolliti misti e salumi cotti, formaggi fermentati e a pasta dura.
Temperatura di servizio:
18°C

MANI DEL SUD

Varietà uve utilizzate:
80% Chardonnay; 20% Sauvignon.
Colore:
Giallo paglierino chiaro, con leggeri riflessi dorati.
Gradazione alcolica:
12 – 13 % circa.
Abbinamenti:
Vino di struttura, va abbinato a carni bianche, affettati, piatti a base di pesce e formaggi freschi.
Temperatura di servizio:
10 – 12°C


VISITA LA CANTINA

Dal lunedì al venerdì è disponibile  una visita della cantina nell’ orario 9:00 – 16:00

  • VISITA E DEGUSTAZIONE GUIDATA (10 €/persona, durata circa 1,30h)
    E’ gradita la prenotazione
  • VISITA, DEGUSTAZIONE GUIDATA E BRUNCH A BUFFET (20 €/persona, durata circa 2,30h) – min. 15 – max. 35 persone
    Solo su prenotazione

PRENOTA


Azienda agricola Reale

“L’Azienda agricola Reale si trova nel comune di Cellino San Marco, tra le province di Brindisi e Lecce. Si estende su una superficie pianeggiante di 250 ettari, di cui circa 85 coltivati a vigneto e un centinaio a oliveto, il Mar Ionio è a 20 km a ovest, il Mar Adriatico a 10 km a est. L’escursione termica è garantita dai freschi venti marini che sorvolano la penisola salentina.
Le varietà presenti sono Negroamaro, Primitivo, Chardonnay, Malvasia Bianca e Nera, oltre ad alcuni vitigni internazionali non sono ancora entrati in produzione.
La forma di allevamento dei vigneti è del tipo “a spalliera” con un elevato numero di piante per ettaro, tra 4.700 e 5.300, a seconda della tipologie. 

Un accorgimento che consente di limitare la quantità di grappoli per ceppo, arrivando ad una produzione per ettaro tra gli 8.000 e i 10.000 Kg.
I porta innesti sono selezionati con molta cura, in base alle caratteristiche del suolo e alle affinità con le piante.
I terreni sono classificabili come sabbio-limosi di colore rossastro.

La Cantina dista poche centinaia di metri dall’Azienda agricola ed è dotata di tutte le attrezzature che la moderna tecnologia mette a disposizione per produrre vini moderni ed eleganti.

La Bariccaia, per l’affinamento della Riserva Santa Croce, è situata nel sottosuolo per una perfetta ambientazione termica”.

Santa Croce

Uve:
Negroamaro 80% e Malvasia Nera 20%,

Esame organolettico:
si presenta di colore rosso rubino intenso

Gradazione:
13.5% vol.

Accompagnamenti:
arrosti di carni alla brace, selvaggina e formaggi stagionati

Temperatura di servizio:
18°c, si consiglia di stappare la bottiglia almeno un’ora prima di servirlo.


VISITA LA CANTINA

Orari visita ai vigneti per appuntamento

Tel. 0832248433
Via Reale, 55 Lecce
E-mail vignetireale@vignetireale.it

PRENOTA


APOLLONIO CASA VINICOLA

La storia dell’Azienda Apollonio comincia nel 1870. Dal 1995 l’azienda è diretta da Marcello e Massimiliano Apollonio i quali iniziano una politica di espansione e iniziano la distribuzione del vino in tutto il mondo, i loro prodotti riscontrano un gran successo. Produzione di vino soprattutto dai vitigni autoctoni quali Negroamaro, Primitivo, Susumaniello, Bianco D’Alessano.

MANI DEL SUD

Varietà uve utilizzate:
80% Negroamaro, 20% Malvasia nera.
Colore:
rosso rubino intenso.
Gradazione alcolica:
14 – 15 % circa.
Abbinamenti:
ottimo con piatti di carni rosse, pesci in brodetto non molto speziati, bolliti misti e salumi cotti, formaggi fermentati e a pasta dura.
Temperatura di servizio:
18°C

MANI DEL SUD

Varietà uve utilizzate:
80% Chardonnay; 20% Sauvignon.
Colore:
Giallo paglierino chiaro, con leggeri riflessi dorati.
Gradazione alcolica:
12 – 13 % circa.
Abbinamenti:
Vino di struttura, va abbinato a carni bianche, affettati, piatti a base di pesce e formaggi freschi.
Temperatura di servizio:
10 – 12°C


VISITA LA CANTINA

Dal lunedì al venerdì è disponibile  una visita della cantina nell’ orario 9:00 – 16:00

  • VISITA E DEGUSTAZIONE GUIDATA (10 €/persona, durata circa 1,30h)
    E’ gradita la prenotazione
  • VISITA, DEGUSTAZIONE GUIDATA E BRUNCH A BUFFET (20 €/persona, durata circa 2,30h) – min. 15 – max. 35 persone
    Solo su prenotazione

PRENOTA


Degusta

Come abbinarlo


Piatti forti

grigliate saporite,
deliziosi arrosti,
formaggistagionati a pasta dura
salumi

Come conservarlo


6 regole d’oro

Temperatura costante, fra gli 11°C e i 14°C .

L’umidità, fra il 65% e il 70% per preservare l’elasticità del tappo .

Al riparo da fonti luminose.

In posizione orizzontale, il vino deve rimanere a contatto con il tappo per far sì che questo rimanga umido ed elastico.

Su scaffali di legno o di altro materiale che assorba le vibrazioni

Ambiente senza profumi intensi

Prenota la tua degustazione


Prenota la degustazione di salice salentino presso una nostra cantina consorziata

leggi la Privacy Policy 

"Dichiaro di aver preso visione e letto la Privacy Policy"


Il Territorio

La Terra rossa


Il paesaggio rurale

Aree sconfinate di terra rossa, sarà questo uno dei primi elementi che vi colpirà del paesaggio rurale salentino.

Il terreno risulta tinto di questo colore intenso e caldo, per la sua particolare composizione, nella quale si trovano soprattutto idrossidi di ferro ed alluminio, minerali argillosi, componenti di quarzo e quant’altro. Una tipologia di territorio, tra l’altro, difficile da lavorare poiché ricca di calcare compatto.

I vigneti occupano più di 30.000 ettari e questi rappresentano il 17% della superficie agraria di tutto il Salento.
Le aziende che si occupano del settore sono il 33% di tutte quelle presenti sul territorio.

Il Mare


300 km di costa

L’Adriatico meridionale e lo Ionio bagnano rispettivamente il versante di Levante e di Ponente, creando una penisola nella penisola, che presenta diverse tipologie costiere, dai lunghi arenili sabbiosi che si perdono nell’acqua cristallina, alle alte falesie che sprofondano quasi a picco nel blu intenso.

Le spiagge che si trovano su entrambi i versanti hanno avuto un’origine diversa, come si può dedurre dalla differenza granulometrica ed organica della sabbia, che è molto fine ad esempio in prossimità dei Laghi Alimini, sul litorale adriatico, mentre è più grossolana e ricca di residui organici (come le conchiglie) su tutta la zona
antistante Porto Cesareo, litorale ionico.

Sommariamente si può considerare il versante Ovest come sabbioso, mentre quello Est come roccioso.

Il Barocco


Da non perdere

Il Cibo


Cosa mangiare

Grano, olio, verdure, legumi, abbinati con sapienza ad altri semplici ingredienti offrono i più sani e gustosi esempi di cucina mediterranea.


Il Salice Salentino

Negroamaro


gusto intenso e corposo

Malvasia


aromatico e fine

Colore


Il Salice Salentino ha il colore forte della sua terra, un rosso rubino reso ancora più intenso dalle inedite sfumature viola.

intenso e ampio

brillante e deciso

Profumo


Il profumo è inebriante e racconta storie del sottobosco, con un’intensa cascata di piccoli frutti neri e succose prugne

Per destino e per vocazione agricola, il Salento è anche civiltà della vite e del vino, perchè il vino nel salento è antico quanto l’uomo e la sua agricoltura felice e rigogliosa come nessun’altra terra può sperare.

La coltivazione della vite, in queste aree poste al centro della fascia solare del mediterraneo, ha attraversato tutte le epoche, dai Greci ai Romani, per passare a Longobardi e Bizantini, e poi Normanni, Angioini e Aragonesi, e giungere sino al nostro tempo, con produzioni che fanno di questa regione una delle più produttive d’italia.

Differenti epoche storiche, segnate da differenti influenze culturali che, però, hanno saputo aggiungere un pezzo della propria identità alla puglia e alle sue genti, senza mai spezzare il filo rosso della storia, dove il rosso può essere quello intenso e cupo del Negramaro, o brillante e deciso del Primitivo e del Susumaniello.
Perchè la Puglia ed il Salento sono, innanzitutto, terre di rossi e rosati, a volte anche grandi e indimenticabili.

Due i maggiori elementi di forza: antica tradizione nella coltivazione della vite da un lato e condizioni pedoclimatiche ottimali dall’altro.E poi ancora, la vicinanza del mare, un valore aggiunto in grado di mitigare gli effetti di un clima, a tratti anche prepotente, che riesce a conferire ai vini quella complessità (ed eleganza) che li rende davvero unici, espressivi di un’identità che deve poter diventare un valore aggiunto assoluto per confrontarsi, ad armi pari, con territori di grande suggestione enologica e con un’esperienza di mercato assai più lunga.

le origini della dop Salice Salentino

Il disciplinare


Il Salice Salentino in cifre

10mln

bottiglie prodotte nel 2017

3,5mln

bottiglie esportate nel 2017

51

cantine associate

1500

addetti


Home

Bevi bene!

Non basta avere un bicchiere per bere un buon
vino. Segui i nostri consigli per degustare al
meglio il nostro vino.
Prenota la degustazione di salice salentino
presso una nostra cantina consorziata.

degusta


42

cantine

140mila

ettolitri di vino

195mila

quintali di uva

Le cantine del Salice Salentino


Le cantine associate rispettano il disciplinare del consorzio

Il Consorzio rappresenta attualmente circa 1.200 ettari coltivati a vigneto dislocati fra i comuni di Salice Salentino, Guagnano, Veglie e Campi Salentino per la provincia di Lecce e Cellino San Marco, San Pancrazio Salentino e San Donaci per la provincia di Brindisi

Tutela,
Gestione,
Promozione.


1000

soci

900

viticoltori

40

imbottigliatori

33

vinificatori

CONSORZIO DI TUTELA VINI
DOP SALICE SALENTINO


Via Pasquale Leone
c/o Casina Ripa
73015 SALICE SALENTINO (LE)
tel. fax +39 0832 732592
mobile: +39 344 2847065